Corea del Nord, USA e il gioco dei falsi opposti

La Corea del Nord è uno Stato vassallo degli Stati Uniti d’America?

Nell’articolo “La Corea del Nord è uno Stato vassallo del Pentagono“, realizzato da Frederick William Engdahl nel Novembre 2016 per il sito New Eastern Outlook, si prende in considerazione l’ipotesi che le schermaglie tra gli Stati Uniti ed il Governo di Pyongyang siano, in realtà, una messa in scena.
Engdahl, laureato in politica alla Princeton University, docente, consulente di rischio strategico ed autore di best-seller su petrolio e geopolitica, afferma che James Roderick Lilley, ex dipendente della CIA d’istanza in Asia ed ambasciatore USA per la Cina, gli avrebbe raccontato di come “alla fine della guerra fredda”, gli Stati Uniti d’America abbiano utilizzato la Corea del Nord come pretesto “per mantenere la Settima Flotta nella Regione”, arrivando ad affermare che “se la Corea del Nord non fosse esistita, avremmo dovuto crearla come scusa”.

Il fatto che, secondo quanto riportato dal giornale giapponese “Mainichi Daily News”, Kim Jong-un, guida suprema della Corea del Nord, abbia studiato all’istituto Liebefeld-Steinhölzli di Berna, in Svizzera, sotto falsa identità, dal 1998 al 2000, ha contribuito ad alimentare sospetti circa la sua figura. Corea del Nord

È doveroso, inoltre, segnalare come l’importanza geopolitica della Corea del Nord, negli ultimi anni, sia aumentata ulteriormente grazie al traffico internazionale di droga, in cui è l’oppio, da sempre seguito con interesse dalla CIA, a farla da padrone ed alla scoperta, da parte dello “IUPAC” (International Union of Pure and Applied Chemistry), di uno dei più grandi giacimenti di terre rare del Mondo (Rare Earth Elements – REE), il gruppo di 17 elementi costituiti da scandio, ittrio, lantanio e da tutti i componenti che si trovano nei metalli che, per le loro particolari caratteristiche, vengono anche denominati “i metalli della tecnologia“, in quanto hanno avuto un ruolo centrale nella rivoluzione tecnologica degli ultimi 20 anni.

Nico ForconiControInformo.info

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.