Telegram nel mirino dei servizi segreti

Telegram, la nota App di messaggistica criptata, rischia, in Russia, la messa al bando a causa della sua tecnologia End-to-End

Secondo l’FSB, agenzia segreta sostituitasi al KGB, Telegram viene utilizzato dai terroristi per pianificare e organizzare i propri attacchi. Una delle funzioni dell’App è infatti la possibilità di creare Chat “segrete” con alto livello di criptazione e messaggi con autodistruzione impostata. Uno dei motivi portati di quest’accusa fa riferimento all’attentato del 3 Aprile a San Pietroburgo; dove sembra che nel cellulare dell’attentatore, fossero presenti messaggi Telegram, descriventi le modalità dell’attacco. Per limitare i rischi del terrorismo chiedono, all’attuale CEO, l’accesso a tutti i messaggi della piattaforma.Telegram

Risposta del CEO

Pavel Durov, CEO Telegram, rifiuta però qualsiasi accesso da parte dell’FSB alla sua piattaforma. Poche settimane fa è uscita la notizia che, durante il viaggio del Team negli USA, fosse stato avvicinato dalle autorità americane; con la richiesta di inserire delle Backdoor nella propria applicazione. Uno dei motivi del suo rifiuto, in entrambi i casi, fa riferimento alla Costituzione del proprio Paese, che verrebbe violata dando questa concessione. Oltre a questo, aggiunge, che il bando o la messa in sicurezza di una singola applicazione: non comporta l’interruzione delle pianificazioni terroristiche.

Come lui stesso dichiara: “Se vuoi distruggere il terrorismo bloccando qualcosa, devi bloccare Internet”.

 Conclusioni

Anche se il blocco di Telegram riguarderebbe solo il mercato Russo, la notizia colpisce tutti i paesi. La sua eventuale dismissione non comporterebbe una perdita per le organizzazioni terroristiche, in quanto passerebbero a un’altra piattaforma Criptata. Dal punto di vista di varie persone: l’azione dell’FSB è un chiaro attacco alla propria privacy.
Fonte: www.surface-phone.it

Nico Forconi ControInformo.info

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.