BCE: 8 Miliardi di euro guadagnati dalla crisi greca!!

Financial Times – La BCE ha guadagnato quasi 8 miliardi di euro dalla crisi finanziaria della Grecia

La Banca centrale europea (BCE) ha tratto buon profitto dalle sue partecipazioni al debito pubblico greco, secondo un documento visionato dal Financial Times. Una risposta scritta alla richiesta di un parlamentare greco ha dimostrato che la banca ha raccolto 7,8 miliardi di euro di pagamenti di interessi nel periodo tra il 2012 e il 2016 sui titoli di stato greci acquisiti nell’ambito del programma Securities Market Programme (SPM).

Gli utili sono di solito ridistribuiti tra le 19 banche centrali dell’area euro. Nel 2016, la BCE aveva raccolto più di 1,1 miliardi di euro di pagamenti di interessi sui titoli greci sui circa 20 miliardi di euro di bond da essa detenuti, secondo il quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung.

Un’analisi della Jubilee Debt Campaign stima che l’altro creditore della Grecia, il Fondo Monetario Internazionale, aveva collezionato 2,5 miliardi di euro di guadagno sui suoi prestiti al Paese.
Secondo Leo Hoffmann-Axthelm di Transparency International, la partecipazione della BCE al salvataggio della Grecia ha portato ad un “conflitto di interessi”.

“La BCE con una mano chiede il rimborso dei suoi bond greci mentre con l’altra approva i progressi delle riforme della Grecia. La Banca è letteralmente seduta ai due lati del tavolo”, ha dichiarato Hoffmann-Axthelm.BCE

Il programma SMP è stato avviato in un momento di crisi del debito della zona euro nel 2009, inteso ad alleggerire la pressione dei mercati sui costi di finanziamento degli Stati membri. Più tardi nel 2015, la BCE ha avviato il suo programma di quantitative easing (QE), ma Atene è stata esclusa perché ancora sotto i termini di un terzo salvataggio dell’UE.

L’inclusione della Grecia nel QE è legata alla decisione sulla sostenibilità del debito del paese al 180 per cento del PIL da parte della banca centrale. La maggior parte dei 300 miliardi di euro del debito pubblico del paese è nelle mani dei creditori internazionali piuttosto che del settore privato.

“Questa è una questione di competenza nazionale e cade al di fuori delle competenze della BCE”, ha riferito la banca centrale in una lettera al FT firmata dal presidente della BCE Mario Draghi.

Le decisioni su cosa fare con i guadagni saranno prese dagli Stati nazionali membri, spiega la lettera.

“Le future decisioni relative al trasferimento allo Stato greco di importi equivalenti ai redditi della Banca centrale nazionale (NCB) non rientrano nel mandato della BCE o delle NCB, bensì dei governi nazionali degli Stati membri dell’area euro”, ha aggiunto.

I membri dell’area euro avevano inizialmente accettato di restituire ogni interesse alla Banca centrale greca come gesto di solidarietà dell’UE. Tuttavia, quando è iniziato il secondo programma di salvataggio nel 2015, l’operazione di rimborso è stata interrotta e l’intero interesse non è mai stato restituito ad Atene.

RT | rt.com
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Fonte: www.resistenze.org

Nico Forconi ControInformo.info

 

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.