Caduta dei capelli: 6 consigli per prevenirla

Caduta dei capelli nel periodo delle castagne – Ferro, Vitamina A e C, e tanta acqua per combatterla.

I consigli della dott.ssa, biologa e nutrizionista, Rosanna Giordano.

Vi siete mai chiesti come mai ogni anno, nel periodo autunnale, tra ottobre e novembre, si perde una quantità di capelli superiore rispetto al resto dell’anno? A causare questo fenomeno, secondo gli esperti, non sarebbe il cambiamento di temperatura come si credeva anni fa, ma dipenderebbe dalla variazione delle ore di luce nell’arco della giornata. Un meccanismo complesso mediato dalla melatonina, ormone regolatore del ciclo luce-buio. Il problema riguarda in egual modo sia gli uomini che le donne: fino alla fine di novembre si perde un 20-30% di capelli in più rispetto al resto dell’anno. Purtroppo non esistono veri e propri rimedi, l’unica cosa che si può fare è prestare maggiore attenzione a quello che si mangia in questo periodo. Non esistono cibi in grado di arrestare la caduta dei capelli, ma poiché l’alimentazione è fondamentale per la salute di tutto l’organismo, capelli compresi, può essere comunque un valido aiuto per prevenire la caduta. I capelli si nutrono grazie ai follicoli e per questa ragione è fondamentale seguire un’alimentazione ricca di di vitamine, proteine e fibre, per rafforzarli e per favorirne la salute.

NapoliToday ha chiesto alla dott.ssa, biologa nutrizionista, Rosanna Giordano, quali devono essere i cibi da introdurre nella dieta per prevenire la caduta dei capelli in questo periodo.Capelli

  • Un alleato di una folta chioma è il ferro, contenuto nelle verdure a foglia verde scuro ( come spinaci, biete, etc), carne magra, legumi, cereali (es Muesli), etc.
  • Per migliorarne l’assorbimento potremmo abbinarci la vitamina C, per cui diciamo sì ad una premuta fresca di limone da abbinare agli alimenti sopracitati. Assumere una giusta quantità di antiossidanti naturali (quindi frutta e verdura) è importante non solo per il cuoio capelluto e il capello in sé ma anche per ogni singola cellula del nostro corpo per contrastare l’azione dei radicali liberi. I radicali liberi, infatti, possono accelerare i processi di invecchiamento cellulare, attivare processi infiammatori, avere effetti cancerogeni, favorire l’arteriosclerosi e il decadimento del sistema immunitario.
  • La perdita di capelli, nella maggior parte dei casi, dipende per lo più da una mancanza di vitamine del gruppo B, in particolare B6 (biotina, acido folico, magnesio, zinco e zolfo). La biotina, ad esempio, dà un supporto importante nella fase di ricrescita del capello poiché promuove il metabolismo di grassi e proteine. La ritroviamo nel pesce, piselli, pollo, lenticchie, formaggi, tuorlo d’uovo e latte. L’acido folico non viene prodotto dal nostro organismo, per cui ancora una volta preferiamo i vegetali con foglie verde scuro particolarmente ricchi di questa vitamina come spinaci, cavolo verde e cime di rapa sono alcuni esempi. Lo zolfo costituisce la cheratina, ben nota a tutti, e lo ritroviamo in alimenti come carni bianche, pesce, uova, legumi, cipolla, germe di grano, asparagi, cavoletti di bruxelles, aglio.
  • Importante per combattere la caduta dei capelli è anche la vitamina A. Questa vitamina, contenuta nelle uova, verdure, latte, olio di pesce, olio di semi di girasole e olio d’oliva, favorisce l’ossigenazione delle cellule dei follicoli, rafforzando i capelli e favorendone la crescita.
  • Un altro consiglio per mantenere i capelli forti è bere tanta acqua, almeno 8 bicchieri al giorno, ed evitare il consumo eccessivo di bibite gassate, bibite energetiche e bevande alcoliche.
  • In ultimo, non dimentichiamo che ad una sana alimentazione vanno abbinati anche corretti stili di vita: evitare o ridurre il fumo, praticare attività fisica sono sicuramente tutti perfetti alleati di una folta e lucente chioma, ma anche di una fantastica pelle e unghie sempre più resistenti.

Fonte: www.napolitoday.it

Nico ForconiControInformo

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.